Massaggio al miele, antico rimedio russo tibetano

Massaggio al miele

Alla fine di una giornata particolarmente impegnativa o di una settimana stressante quello chi ci vorrebbe per ottenere un po’ di sollievo è un buon massaggio al miele rilassante. Tante le tecniche che si possono adoperare utilizzando oli essenziali e prodotti più o meno naturali. Perché allora non provare il massaggio al miele? Si tratta di una tecnica che sfrutta le proprietà di un prodotto 100% naturale (per saperne di più sul miele e sul mondo delle api visita il sito salvaleapi.org) che apporta benefici al corpo e alla mente. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Proprietà benefiche del miele

Perché si dovrebbe utilizzare proprio il miele per fare un massaggio? La risposta è piuttosto semplice! È un elemento dalle numerose proprietà nutritive, e proprio per questo è molto utilizzato in cucina e nell’alimentazione. Ha poteri antinfiammatori e cicatrizzanti, inoltre contrasta l’acidità di stomaco e disintossica il fegato. I suoi benefici all’intestino e all’organismo in generale sono noti già dai tempi antichi.

Le origini del massaggio al miele

Come abbiamo accennato prima, il massaggio al miele, di origini russo-tibetane, ha radici molto profonde. Del resto, il miele – denominato anche “nettare degli dei” – era conosciuto già al tempo del Neolitico e l’apicoltura era praticata nell’Antico Egitto già nel III millennio A.C. Col tempo si è cominciato ad usare nella cosmesi e nella cura del corpo perché si è scoperto che il miele è in grado di proteggere la pelle da agenti esterni e batteri.

Massaggio al miele: ecco come si esegue

Il massaggio al miele viene eseguito alternando movimenti lenti e delicati con altri più energici e rigidi. Questo è un massaggio di grande efficacia, che si adatta in base alle problematiche della singola persona e si concentra sulle parti da trattare, per cui si esegue tramite una procedura individuale. In base alle parti del corpo massaggiate, si applica una minore o maggiore pressione.

Per esempio, si applica una pressione profonda con entrambi i palmi della mani lungo la colonna vertebrale e ai lati della stessa. Nel momento stesso in cui si esegue, aumenta l’afflusso del sangue e il deflusso della linfa, il metabolismo cellulare subisce un’accelerazione, la massa applicata viene assorbita – nutrendo la superficie della pelle di vitamine e minerali – e il liquido in eccesso viene quindi rimosso.

Una volta concluso il massaggio, si applica una crema sempre a base di miele, poi si massaggia per bene e si lascia agire per un quarto d’ora circa. Nei giorni successivi al massaggio al miele non è consigliabile esporsi ai raggi solari.

Vuoi imparare a massaggiare? Dai uno sguardo al nostro Corso di Massaggio Base

Benefici del massaggio al miele

I benefici del massaggio al miele sono molteplici. Innanzitutto aiuta a rigenerare sia il corpo che la mente, aiuta a rilassare il corpo e ad eliminare tutto lo stress accumulato. Il prodotto delle api rende la pelle più luminosa, elastica, levigata e tonica grazie al veloce assorbimento delle tossine sull’epidermite (lo strato più esterno della cute), allo sfaldamento degli strati più superficiali e alla sua regolazione termica.

Aiuta quindi anche nel dimagrimento, se associato a dieta ed esercizio fisico e possibilmente seguendo le indicazioni di uno specialista. È un ottimo trattamento anticellulite, ma agisce bene anche nel caso in cui ci siano cedimenti dell’epidermite in varie zone del viso e del corpo. I migliori effetti sono già visibili dopo poche sedute e si ottengono in quelle parti del corpo dove si forma l’accumulo di liquidi, come addome, glutei e cosce. Inoltre ha un potere antinfiammatorio – stimolando la circolazione sanguigna e il sistema linfatico – e allevia i dolori muscolari.

Ecco nel dettaglio i benefici del massaggio al miele in base alle varie parti del corpo:

  • Viso: è efficace per pulire i pori ostruiti, il risultato sarà una pelle più radiosa e luminosa.
  • Schiena: il miele è utile per combattere l’osteocondrosi poiché i muscoli vengono rilassati e l’infiammazione viene alleviata.
  • Addome: si tratta di un massaggio al miele energico ma delicato, per ottenere una pelle più elastica e levigata. Altro effetto positivo è il miglioramento del funzionamento del tratto gastrointestinale.
  • Cosce e glutei: dopo aver completato almeno un ciclo di massaggio anticellulite al miele, il gonfiore nelle zone che presentano apidosità diminuisce, viene ripristinata l’elasticità dei tessuti e le parti interessate saranno più lisce e maggiormente elastiche.

Ogni quanto fare il massaggio al miele?

Il tempo che intercorre tra un massaggio al miele e un altro dipende dall’area su cui si esegue. I massaggi al miele anticellulite vanno ripetuti circa ogni 2 o 3 mesi; quello specifico contro la ritenzione idrica si può eseguire anche tutti i mesi; mentre quello facciale almeno una volta alla settimana.

Ultimi Articoli